02 installazione di python su android

clicca sulle immagini per ingrandirle

Un android per programmare in python

Oggi vi voglio parlare di programmazione, per l'esattezza del linguaggio python su piattaforma android.
Ma perché dovremmo usare un terminale android per programmare, quando sono così comodi i pc?
I motivi potrebbero essere parecchi, ad esempio siamo in movimento e non abbiamo il pc a portata di mano, oppure siamo in treno, in pullman, in una sala di attesa, oppure a letto, ecc., ma ci è venuta in mente una idea da sviluppare e vogliamo metterla in pratica subito. Oppure, semplicemente, un pc non lo possediamo, ma possediamo uno smartphone e/o un tablet con sistema operativo android e vogliamo apprendere l'arte della programmazione senza ulteriori investimenti.
Per eseguire script python sotto android dobbiamo scaricare l'app qpython3 (scegliere l'app qpython se si vuole usare la versione 2.7 di python) dal play store.

Selezionamo qpython3, nel mio caso vedete l'applicazione come installata, ma non fateci caso e proseguite:

a questo punto dovete fare installa (nella schermata del mio telefono compare invece apri, perché la ho già installata).
Per chi avesse un dispositivo android che non ha installata l'applicazione play store, e non volesse o non potesse installarla (per esempio un dispositivo con un ottimo rapporto prezzo/qualità è a mio parere il kindle fire da 7 pollici, ma non ha installato di default il play store di android), sappiate che potete usare uno store alternativo come aptoide, se vi serve basta una ricerca di “aptoide” su google.
Alla fine del processo di installazione, nel menù delle applicazioni vi troverete l'icona di qpython3, vi consiglio di crearvi un collegamento sulla schermata home:

A questo punto non ci rimane che aprire l'app, ed avremo la seguente schermata:

Questa è la schermata principale, cliccando sul tasto indietro del nostro android chiuderemo l'applicazione, mentre se clicchiamo sull'icona “Console” apriremo niente meno che una console python versione 3.2 (nel momento in cui scrivo, utilizzando la versione più recente di qpython3, ovvero la 0.9.9.1 del 17 marzo 2016):

Questa è a tutti gli effetti una console con il prompt di python, per cui possiamo dare direttamente comandi.
Proviamo ad esempio a scrivere l'istruzione print(“Ciao, mondo!”) e diamo invio:

Ecco che l'istruzione viene eseguita esattamente come se stessimo lavorando su di un normalissimo pc win, gnu/linux o mac, d'altro canto non dimentichiamo che il kernel di android è proprio linux.
Se clicchiamo sul tasto indietro dell'android ci apparirà la seguente schermata:

A questo punto possiamo scegliere se tenere aperta la console in background oppure chiuderla e riaprirla alla bisogna. Fatta la scelta torniamo alla schermata principale, e da qui possiamo aprire l'editor di codice sorgente, che si presenta così:

Notare che in realtà, almeno sul mio android, l'editor apre l'ultimo file editato, qualora volessimo creare un nuovo file dobbiamo cliccare sull'icona “nuovo file” in alto sulla destra e scegliere l'opzione “blank file”.
Ora possiamo digitare il seguente codice:

Quando abbiamo finito dobbiamo cliccare sul tasto “salva” del menù in basso (quello con il disegnino del floppy disk, comune a molti editor di testo, come word e libreoffice). Quindi ci apparirà una finestra che ci chiederà in quale cartella e con quale nome vogliamo salvare il file:

dobbiamo avere l'accortezza di scegliere un nome terminante con il suffisso “.py”, che è quello predefinito per i programmi (scripts) python. Noi sceglieremo il nome “prova01.py” e lo salveremo nella cartella scripts3 di quelle che ci propone l'editor (scorrete l'elenco delle cartelle se non la visualizzate), ma ovviamente possiamo scegliere un altro nome ed un'altra cartella a nostro piacere (ma ricordate di mettere il suffisso “.py” al file) e diamo conferma.

Ora ci ritroveremo sulla finestra del nostro editor con il file salvato con il suo nome.

Adesso possiamo finalmente eseguire il nostro script (programma) cliccando sul tasto “esegui” (play), quello a forma di freccetta diretta verso destra, due posizioni a destra del tasto “salva” (quello come il tasto play dello stereo e del lettore dvd). Appena lo facciamo si aprirà la finestra della console e partirà l'esecuzione del nostro script:

Ora, dando invio si chiuderà la console (in alternativa possiamo ovviamente usare il tasto “indietro” se vogliamo avere l'opzione di mantenere la console in background) e torneremo all'editor. Per uscire dall'editor e tornare alla home dell'applicazione basta premere ancora “indietro”, e per uscire dall'applicazione ancora una volta premere “indietro”.
Questa è una breve e non esaustiva guida a Qpython3, potete facilmente esplorare tutte le altre possibili funzioni dell'app (a voi il piacere della scoperta).